Una nuova ricerca sui topi suggerisce che le diete chetogeniche con un contenuto di grassi molto elevato potrebbero effettivamente peggiorare l’infiammazione della pelle. Il team ora esorta le persone con psoriasi a evitare tali diete.


Le diete chetogeniche o cheto sono ricche di grassi e povere di carboidrati .

Le persone spesso usano tali diete per perdere peso, poiché stimolano il corpo a entrare nella chetosi .

Questo è uno stato in cui il corpo inizia a bruciare i grassi per produrre energia anziché carboidrati, come farebbe naturalmente.

Alcuni studi suggeriscono che le diete cheto possono aiutare a gestire i sintomi del diabete di tipo 2 e proteggere dal declino cognitivo , e i medici a volte consigliano alle persone con epilessia di seguire una dieta cheto per ridurre la frequenza delle convulsioni.

Tuttavia, le diete cheto comportano anche alcuni rischi ed effetti collaterali, come sintomi simil-influenzali ed eruzioni cutanee .

Ora, uno studio su modelli murini con infiammazione cutanea simile alla psoriasi suggerisce che alcune diete cheto – quelle che hanno il più alto contenuto di grassi – potrebbero effettivamente esacerbare tali problemi della pelle.

Gli autori dello studio – dell’Università medica di Paracelsus a Salisburgo, in Austria – riportano i loro risultati in un articolo che appare sul Journal of Investigative Dermatology .

“Questo studio porta ad una più ampia comprensione dei possibili effetti delle diete chetogeniche con un contenuto di grassi molto elevato sull’infiammazione della pelle e sottolinea l’importanza della composizione degli acidi grassi nella dieta”, afferma l’autore dello studio condirettore Barbara Kofler, Ph.D .


Dieta cheto potenzialmente dannosa nella psoriasi


I ricercatori hanno nutrito diversi gruppi di modelli murini con infiammazione cutanea simile alla psoriasi, tipi distinti di diete chetogeniche, incluso uno che aveva un alto contenuto di trigliceridi a catena media (MCT). Questi sono un tipo di grasso che deriva dalle noci di cocco.

Hanno scoperto che le diete ad alta MCT – specialmente se contenevano anche acidi grassi omega-3 derivati ​​da olio di pesce, noci o semi – peggioravano l’infiammazione della pelle nei topi.

Il team sperava anche di scoprire se le diete chetogeniche a base di trigliceridi a catena lunga (LCT) potessero rallentare la progressione dell’infiammazione cutanea simile alla psoriasi. I loro esperimenti non hanno confermato questo effetto, ma hanno dimostrato che una dieta cheto più equilibrata non ha peggiorato l’infiammazione della pelle.
“Abbiamo scoperto che una dieta chetogenica ben bilanciata, limitata principalmente a [LCT] come olio di oliva, olio di soia, pesce, noci, avocado e carne, non aggrava l’infiammazione della pelle”, afferma Kofler.

“Tuttavia, le diete chetogeniche contenenti elevate quantità di MCT, specialmente in combinazione con acidi grassi omega-3 , devono essere usate con cautela poiché possono aggravare le condizioni infiammatorie della pelle preesistenti”, avverte.

Il ricercatore condirettore Roland Lang, Ph.D., aggiunge che “[k] diete etogeniche integrate con MCT non solo inducono l’espressione di citochine pro-infiammatorie [proteine ​​di segnalazione cellulare], ma portano anche ad un accumulo di neutrofili [sangue bianco cellule che svolgono un ruolo chiave nelle risposte immunitarie] nella pelle, determinando un aspetto clinico peggiore della pelle dei topi “.

“I neutrofili sono di particolare interesse poiché sono noti per esprimere un recettore per MCT e quindi una dieta chetogenica contenente MCT può avere un impatto su altre malattie mediate dai neutrofili non limitate alla pelle”, osserva.

In futuro, i ricercatori sono interessati a studiare gli effetti delle diete chetogeniche sull’infiammazione della pelle a lungo termine.

Questo sarebbe scoprire quali diete cheto sono potenzialmente dannose nel contesto della salute della pelle e quali – se del caso – potrebbero essere utili.

Nonostante i recenti risultati, i ricercatori affermano che le persone che seguono una dieta cheto non dovrebbero preoccuparsi: nello studio, il team ha alimentato i topi con una dieta estremamente ricca di grassi (77% di grassi), che è improbabile che la maggior parte delle persone segua.

Tuttavia, dicono che le persone con psoriasi potrebbero voler evitare diete chetogeniche per prevenire ulteriori danni alla pelle.

“Penso che la maggior parte delle persone che seguono una dieta chetogenica non debbano preoccuparsi degli effetti collaterali dell’infiammazione cutanea indesiderata. Tuttavia, [le persone con psoriasi non dovrebbero considerare una dieta chetogenica un’opzione terapeutica adiuvante”.