Promette la perdita di 15 chili in 35 giorni, ma è considerata tra le diete più pericolose e squilibrate, attualmente, in circolazione.

La dieta beverly hills è stata ideata nel 1981 da Judy Mazen autrice di un libro in cui ne illustrava le caratteristiche. Il volume rivisto e corretto è stato ripubblicato di recente con il titolo “New Beverly Hills Diet”. Prevede il consumo esclusivo di frutta e verdura e di alimenti contenenti amido. Completamente bandite proteine animali e carboidrati.

La dieta beverly hills si basa su una teoria secondo la quale i cibi non digeriti dall’organismo si trasformerebbero in grasso corporeo. Una teoria mai provata e che contraddice uno dei principi cardini del metabolismo umano.

Il corpo umano non assimila gli alimenti e le sostanze nutritive in essi contenuti finchè questi non vengono digeriti. In ogni modo, fedele alla sua convinzione, la Mazen ha individuato tutta una serie di alimenti che forniscono all’organismo gli enzimi necessari per la digestione dei cibi, facendone la base portante del regime alimentare da lei ideato ed escludendo tutta una serie di alimenti che il corpo non riuscirebbe a digerire.

Tale dieta si fonda sul principio della combinazione consapevole degli alimenti. Il gruppo principale è costituito dalla frutta e dalla verdura. in particolare prevede giorni in cui è possibile alimentarsi solo con frutta, altri in cui si mangiano solo verdure e altri in cui sono permessi anche alcuni tipi di carboidrati.

Ecco un Menu della Dieta Beverly Hills:
Colazione: 8 prugne
Pranzo: Fragole a volontà
Cena: patate al forno
Da bere: acqua, caffè o tè.
Questa dieta è considerata pericolosa poichè prevede il consumo di appena 800 calorie giornaliere con un bassissimo apporto di proteine, carboidrati e lipidi.

La teoria su cui si basa, inoltre, non è mai stata scientificamente provata ed è molto difficile sostenerla senza cominciare a soffrire di carenze alimentari.

A dieta conclusa, infine, è molto difficile non riprendere nuovamente il peso perso.

Da non provare.

Decisamente meno rischiose sono la dieta mediterranea (tutta italiana e composta da cibi che non costano troppo) o la dieta proteica (ottima anche per avere un colpo più tonico).