Sapere come gestire emozioni come la rabbia è fondamentale nell’educazione dei bambini e nell’interazione sociale.
La rabbia è un’emozione che appare quando ci troviamo in situazioni che ci causano frustrazione o che riteniamo ingiusti . È un’emozione di base, ed è normale arrabbiarsi di tanto in tanto, specialmente quando sei una madre o un padre. Sapere come controllare la nostra rabbia è fondamentale nell’educazione dei bambini e, in definitiva, per il nostro benessere generale.

Secondo María José Bosch, più pensiamo a ciò che ha causato la nostra rabbia, più ragioni e giustificazioni pensiamo di avere per essere arrabbiati. Pertanto, sapere come capire e incanalare la rabbia è vitale per avere una migliore qualità della vita.
Rabbia: un’emozione di base
Le emozioni hanno molte definizioni diverse:

Impulsi involontari
Reazioni agli stimoli ambientali
Processi cognitivi e neurochimici.
Possono persino causare cambiamenti nel nostro corpo come la sudorazione o la respirazione agitata.

Tuttavia, una definizione molto buona di emozione è quella data dallo psicologo Daniel Goleman . Per lui, un’emozione è un sentimento e i pensieri che lo caratterizzano. Questo è influenzato dalle condizioni psicologiche o biologiche che lo influenzano, facendo sì che i nostri corpi reagiscano in un certo modo.

Le emozioni sono messaggi inviati dal nostro corpo per far fronte e reagire a qualsiasi situazione. La rabbia appartiene al gruppo delle emozioni di base insieme alla gioia , alla tristezza, all’avversione, alla paura e alla sorpresa, ed è un meccanismo di sopravvivenza necessario per i nostri corpi, ma come possiamo gestire la nostra rabbia?

La nostra rabbia è scatenata dai nostri pensieri e sentimenti, e provoca cambiamenti fisiologici e neurochimici, che poi inducono i nostri corpi a reagire in un certo modo. Tuttavia, ci sono anche una serie di fattori condizionanti che hanno un’influenza qui, come la personalità e il contesto socio-culturale in cui ci troviamo.

Come controllare la nostra rabbia: identificare le emozioni
Identificare le nostre emozioni è la chiave del nostro benessere ed è uno strumento fondamentale nella nostra interazione sociale quotidiana. Se riusciamo a vedere rapidamente che una certa situazione ci sta facendo arrabbiare , non ci colpirà di sorpresa e saremo disponibili a reindirizzare e gestire le nostre emozioni in modo più efficace.

Le persone provano le emozioni in modi molto diversi. Dipende dal nostro carattere, dalla situazione in cui ci troviamo e dalle nostre esperienze passate.

Quindi, per identificare quali situazioni ci fanno arrabbiare, dobbiamo prima capire e analizzare noi stessi, e scoprire quali cose ci preoccupano o ci frustrano. In questo modo, quando iniziamo ad affrontare una situazione che abbiamo identificato come “ad alto rischio”, allora saremo pronti.

Alcuni segnali che possono avvisarci che stiamo per esplodere possono essere trovati nei segnali fisiologici che il nostro corpo ci invia. Se sei in grado di riconoscere questi segni, allora sarai anche in grado di prendere misure per controllare la tua rabbia:
Respirazione irrequieta
Nausea e mal di stomaco in generale
Rigidità muscolare, specialmente nelle spalle
Sudorazione
Stringendo la mascella o le mani
Un altro dei segni più visibili e rilevabili che possiamo trovare è nei nostri pensieri. I pensieri negativi costanti serviranno solo ad alimentare i fuochi delle nostre emozioni e ad aumentare le possibilità di un’esplosione arrabbiata.

4 idee per gestire la rabbia
Accetta l’emozione
Prima di tutto, dobbiamo accettare il fatto che questa emozione esiste. Ci sono sempre delle ragioni fondamentali per noi per avere queste emozioni. Nel caso della rabbia, spesso lo esprimiamo quando consideriamo che qualcosa non è giusto. Di conseguenza, se reprimiamo o inibiamo questa emozione, allora potrebbe influire sulla nostra autostima.

Identifica l’emozione
Identificare le nostre emozioni è uno dei primi passi per poterle controllare. Conoscere e riconoscere che siamo arrabbiati e che qualcosa ci infastidisce e ci fa stare male, ci aiuta a identificare le emozioni e a riprendere il controllo nel nostro processo decisionale. Ma come possiamo controllare la nostra rabbia?
Cerca la calma
Quando siamo arrabbiati, allora la calma è l’arma migliore. Se continuiamo ad alimentare la nostra rabbia, proveremo a giustificare le nostre azioni. Per questo motivo, anche se è una soluzione molto ovvia, trovare la calma è il modo migliore per fermare l’ondata di rabbia.

Le buone opzioni sono andare a correre o camminare, respirare ed espirare profondamente, fare un’attività che ci rilassa o semplicemente andare in un posto tranquillo.

Rifletti su quello che è successo
Questo è davvero importante, poiché riflettere su ciò che è successo ci aiuta ad imparare dall’esperienza e a gestire la rabbia in futuro. Domande come: “Perché ero così sconvolto?”, “Come posso risolverlo?” O “Posso fare qualcosa al riguardo o dovrei lasciarlo andare?” Ti aiuteranno tutti ad analizzare la situazione ea capire meglio te stesso .

Secondo Bosch, la rabbia, come la tristezza, è un’emozione che si nutre da sola. Ciò significa che più pensi alle ragioni che ti fanno arrabbiare, più ti arrabbierai. Superare la situazione nella tua mente non farà altro che accendere le fiamme della rabbia. Di conseguenza, troveremo motivi ancora più forti per essere arrabbiati.

La rabbia è un’emozione che attiva il nostro meccanismo di attacco difensivo e provoca pensieri negativi il cui scopo è di causare danni o distruzione. È vero che è un’emozione fondamentale e può essere controproducente inibirla. Tuttavia, se non possiamo controllare la nostra rabbia, finirà per distruggerci e danneggiare coloro che ci circondano.

“Il più grande rimedio per la rabbia è il ritardo”

-Séneca-