Maggie Greene, la storia della modella anoressica pagata per ingrassare

Maggie Greene, la storia della modella statunitense anoressica pagata dall’agenzia Wilhelmina per ingrassare ha suscitato grande interesse sul web. Oggi è felice e orgogliosa del suo peso e delle sue curve.

Maggie Greene prima e dopo – Foto: Instagram

Fin da piccola, Maggie coltivava il sogno di diventare famosa in passerella. Per anni, ogni giorno, si era allenata in palestra senza sosta e contava le calorie. Uno dei suoi pasti tipici consisteva in una piccola tazza di avena con bacche, cento grammi di pollo con tre asparagi e con poco sale e tanto caffè per recuperare l’energia.

Maggie Greene ha raccontato la sua storia alla rivista Harper’s Bazaar: “Contavo ogni caloria… anche se mangiavo tre chicchi d’uva. Il mio obiettivo era quello di non consumare più di 900 calorie al giorno e bruciare almeno tre volte quel numero in palestra, dove mi allenavo per tre ore alla volta. Ero sempre di cattivo umore e mi sentivo sconfitta”.

A un certo punto, la teenager aveva deciso di non morire più di fame ma in suo aiuto è arrivata l’agenzia Wilhelmina che le ha proposto un nuovo contratto e l’ha invitata ad amare se stessa.

Lo scorso mese Maggie Greene ha pubblicato un’immagine del prima e del dopo sul suo profilo Instagram in cui sono affiancati due selfie di ieri e di oggi. Lo scatto social ha ottenuto quasi 80mila like e una raffica di congratulazioni e complimenti.